Meglio l'arte e che un deposito di autobus

La realizzazione del progetto dell'Ex De Po' è ormai quasi giunta al termine.

L'area in questione, era precedentemente un deposito di autobus. Essa era inquinata e creava malcontento fra i cittadini per il rumore prodotto dal funzionamento degli autobus in orari notturni.

L'opera è stata finanziata con il sistema del project financing ovvero con fondi privati. Con tale sistema, si consentono progetti che da un lato devono perseguire finalità pubbliche, dall'altro, essendo finanziati con fondi privati, devono ovviamnete portare dei vantaggi agli investitori.

All'inizio, il progetto era stato criticato perché ritenuto una speculazione edilizia. Forse questo è accaduto perché il project financing è un nuovo strumento finanziario non ancora ben conosciuto da tutti. Successivamente, le critiche sono state superate perché ci si è convinti che è meglio una piccola area espositiva con dei negozietti piuttosto che un'area degradata (come era d'altronde il vecchio deposito).

Inoltre, in questo periodo di grave crisi economica, non sarebbe stato facile finanziare diversamente un'opera di queste dimensioni ed è proprio per questo che, oltre all'area espositiva, sono stati realizzati dei negozi. Sono stati anche realizzati dei posti auto che aiuteranno a risolvere la difficoltà di parcheggio della zona che risulta relativamente centrale.

Quindi, secondo la nostra opinione, il progetto colma una carenza per la nostra città che, nonostante l'elevato numero di abitanti, risulta mancante di un'area dove esporre opere d'arte contemporanea per un certo periodo di tempo.

In conclusione, questo progetto dovrebbe portare risultati positivi, ad esempio incentivando il turismo sul nostro litorale.

Infine, Ostia è piena di elementi architettonici anonimi, invece quest'opera, bella e originale, è stata realizzata dallo studio Structura, uno dei migliori del territorio, traendo spunto da una pianta marina: la Posidonia, che, almeno un tempo, era molto diffusa nel nostro mare.

di Lorenzo Checcherini