Perchè Megavideo viene considerato un sito "pirata"

Perchè Megavideo viene considerato un sito "pirata"

La chiusura di Megavideo è stata drammatica per molti, se non per tutti. Tutti quelli che erano abituati a scaricare in pochi secondi un film standosene a casa propria e gratuitamente si sono trovati "spaesati" da questo fatto. Il tecnico e informatico di Romauno,il canale piu' visto nella capitale ed esperto di computer Fabrizio Trombi, è stato da noi intervistato con lo scopo di spiegarci meglio perchè è stato chiuso Megavideo

- Cominciamo con lo spiegare a chi non lo sa che cosa è Megavideo

Megavideo è un sito per la trasmissione in diretta (streaming) di video flash. E’ stato un sito web internazionale (attualmente non utilizzabile poiché sotto sequestro) disponibile in 20 lingue.

- In che modo funzionava il sito?

Il servizio era disponibile gratuitamente per caricare file fino a 2 GB e scaricare file non più grandi di 1 GB. A chi si registrava gratuitamente veniva offerto uno spazio di 200 GB. Il tempo di attesa prima di poter scaricare il file richiesto era un tempo maggiore per gli utenti non registrati, pochi secondi per gli utenti registrati gratuitamente, mentre era immediato per gli utenti Premium. Da dicembre 2011 il tempo di attesa prima di poter scaricare il file era stato ridotto per gli utenti non registrati. Nel gennaio 2012, il download era immediato.

- Era alla portata di tutti scaricare film?

Si, certamente, vista la diffusione di questo grandissimo strumento rappresentato dalla rete web che ha rivoluzionato i nostri tempi e che è alla portata di tutti.

- Perché Megavideo è considerato un sito “pirata”?

Megavideo è considerato un sito “pirata” poiché violava le leggi sui diritti d’autore. Il diritto d'autore si acquista originariamente con la creazione dell'opera che quindi appartiene, come primo titolare, a chi ne è l'autore. In sostanza Megavideo con la distribuzione di contenuti d’ autore non autorizzata si poneva contro la legge.

- Esistono altri modi utilizzati nella rete per scaricare film illegalmente?

Molti sono i metodi per scaricare illegalmente ma uno dei più noti e usati è il peer-to-peer ( un esempio ne è il famosissimo torrent) che consiste nello scambio di files ospitati nei computer dei privati che vengono messi a disposizione per essere copiati e scaricati da altre persone. Il tutto viene eseguito su reti dedicate.

- Esistono metodi legali che permettono la distribuzione di contenuti d’ autore via internet ?

La risposta è sì, esistono i cosi detti negozi on-line che ti permettono di scaricare il prodotto desiderato (non solo film ma anche musica, foto, filmati, programmi…) attraverso metodi di pagamento on-line.

- Hai mai avuto a che fare con Megavideo o siti simili?

Si, mi capita spesso di curiosare tra pagine web che ospitavano video che mi interessavano.

- Qual’ è, secondo lei, l’ aspetto positivo di Megavideo?

Secondo me l’ aspetto positivo è che Megavideo è un grande strumento di distribuzione di arte e cultura e una finestra aperta a tutti sul mondo del cinema.

- E l’ aspetto negativo?

L’ aspetto negativo è la violazione sulle leggi del diritto d’autore a discapito delle tasche degli artisti e favorendo sempre più l’ arricchimento di chi fa uso improprio dei loro contenuti.

 

 

 

di Lorenzo Tosatto