QUARANTENNE IMPICCATO (non riusciva a pagare il mutuo) di ANDREA DE ROSSI

QUARANTENNE IMPICCATO

(non riusciva a pagare il mutuo)

 

Venezia, 6 mag. - La difficoltà nel riuscire ad arrivare a fine mese e continuare pagare il mutuo, assieme ad uno stato di disperazione, hanno portato un giovane artigiano del veneziano a suicidarsi. Si tratta di un uomo che aveva 40 anni, residente a Martellago (Venezia).

L'uomo si è ucciso con un cavo elettrico fissato al soffitto del suo appartamento. I primi ad arrivare sul posto, la notte scorsa, un amico e la fidanzata, con cui da qualche tempo viveva un rapporto altalenante: inutile ogni soccorso. Sul posto i Carabinieri e il Suem 118. Il 40enne prima di compiere l'estremo gesto ha mandato un sms alla ragazza che dopo averlo letto, con qualche tempo di ritardo, ha subito avvisato un conoscente che ha fatto scattare la macchina dei soccorsi.

 

La mia riflessione

 Questi casi di suicidio sono sempre più frequenti per colpa della crisi.

La crisi c’è perché il prezzo delle cose sale e lo stipendio dei cittadini rimane uguale.

 

di Elisa Tonno